Accademia Arte e Storia Canepina, un archivio composto da
migliaia di documenti che vanno dal Medioevo al XX secolo

Pergamene e atti notarili dal 1200 al 1500, foto d’epoca, decreti, manifesti sentenze ed altro

Il primo documento relativo alla famiglia Anguillara a Canepina

Il primo documento relativo alla famiglia Anguillara a Canepina

E’ composto da migliaia di documenti l’archivio dell’Accademia Arte e Storia Canepina, che sarà presentata venerdì 21 aprile 2017, alle 16,30, nel Salone “Quarto Stato” del Museo delle Tradizioni Popolari. Nel dettaglio si tratta di circa 120 pezzi tra pergamene e atti cartacei che vanno dal 1200 al 1500, attraverso i quali è possibile ricostruire la storia di Canepina nel Medioevo; un’enorme quantità di documenti risalenti ai secoli XVII,  XVIII e XIX, tra cui vari atti giudiziari sul fenomeno del brigantaggio; le condizioni socio-economiche della popolazione; il commercio delle botti e del legno di castagno ceduo. E ancora, manifesti e foto d’epoca; immagini di Santa Corona dal 1600 agli anni Cinquanta del 1900. Una delle raccolte più complete riguarda gli Anguillara: dal primo documento relativo alla famiglia al testamento dell’ultimo discendente. Dell’archivio fa parte anche una raccolta de Il Lupo, il settimanale edito a Canepina per alcuni anni dal 1895 in poi, del quale abbiamo ripreso il nome e la testata.

Quasi tutti i documenti sono ovviamente in copia e sono stati riprodotti in numerosi archivi (Archivio di Stato di Viterbo, Archivio di Stato di Roma, Archivio Centrale dello Stato; Archivio Diocesano di Orte, Archivio Diocesano di Viterbo, Archivio Segreto di San Pietro, Biblioteca Vallicelliana, Archivio dell’Accademia degli Ardenti di Viterbo, Archivio Farnesiano di Caserta). Non mancano diversi originali, ricevuti in dono da famiglie canepinesi o acquistati negli anni in negozi specializzati e, addirittura, sulle bancarelle delle fiere o mercatini dell’antiquariato. Particolarmente interessante la raccolta fotografica, tra cui immagini aeree degli anni Trenta. Le foto più interessanti risalgono agli ultimi anni del 1800 e riprendono alcuni scorci di Canepina scomparsi ancorché inediti.

Uno dei documenti d’archivio più interessanti è la copia del progetto del soffitto a cassettoni della chiesa di San Giovenale (distrutta dal bombardamento) risalente alla seconda metà del 1500. Oltre a disegno del soffitto, nell’Archivio di Stato di Viterbo sono conservati anche i “cartoni” degli ornamenti.

Dell’archivio dell’Accademia Arte e Storia, tra l’altro, fa parte una vasta schedatura di documenti relativi a Canepina ancora da riprodurre, come ad esempio nell’Archivio Farnesiano di Piacenza o nell’Archivio Centrale dello Stato di Roma.

Nel corso della presentazione dell’Accademia saranno mostrate le immagini di una selezione di tali documenti.

Lascia un commento