I tedeschi spostarono il quartier generale tra Ronciglione e il Soratte
avvicinando così il fronte il quadrante settentrionale dei monti Cimini

UNA STORIA AL GIORNO… TOGLIE IL VIRUS DI TORNO

CANEPINA – Quando la locuzione «bombardamento di Canepina» diventò una prospettiva concreta? Quali accadimenti fecero entrare il quadrante settentrionale del Cimino tra i possibili obiettivi degli Alleati dopo lo sfondamento del fronte a Cassino? A mezzogiorno dell’8 settembre 1943, una squadriglia delle cosiddette «fortezze volanti» americane bombardarono a tappeto Frascati, sede del comando tedesco. Nel pomeriggio dello stesso giorno, il feldmaresciallo Albert Kesselring, che peraltro era stato informato dell’imminente annuncio …

Leggi tutto...

Avevano da 20 a 22 anni ed erano stati condannati alla fucilazione dai fascisti
Anche i militari sbandati si rifiutarono di arruolarsi nell’esercito repubblichino

UNA STORIA AL GIORNO… TOGLIE IL VIRUS DI TORNO

CANEPINA – Il 25 maggio 1944 scadeva l’ultimatum di chiamata alle armi nell’esercito fascista della Repubblica sociale italiana per i giovani delle classi 1922, 1923 e 1924. Il 17 maggio 1944 la Prefettura di Viterbo aveva pubblicato il cosiddetto «Bando del perdono» poiché estendeva una precedente amnistia ai militari sbandati e ai civili che, in virtù di un precedente decreto, avrebbero dovuto essere fucilati. Tra l’altro, lo …

Leggi tutto...

Oltre 250 tornarono mutilati, con gli arti congelati o malati gravemente
dalla Russia, dai campi di concentramento della Germania o dall’Africa

UNA STORIA AL GIORNO… TOGLIE IL VIRUS DI TORNO

CANEPINA – Circa la metà dei venti anni e nove mesi di regime fascista (24 ottobre 1922 – 25 luglio 1943) l’Italia li ha trascorsi in guerra. Compresi i venti mesi (settembre 1943 – aprile 1945) della guerra civile che vedeva contrapposti i partigiani ai tedeschi e ai repubblichini di Salò, gli ultimi epigoni di regine ormai esangue, arroccati nella ridicola Repubblica sociale italiana imposta da Adolf Hitler a uno …

Leggi tutto...

Al giovane ufficiale, medaglia d’argento al valor militare, è intitolata la scuola
elementare, ma per anni su di lui è stata fatta cadere un pesante coltre d’oblio

UNA STORIA AL GIORNO… TOGLIE IL VIRUS DI TORNO

CANEPINA – Aveva 28 anni, una fidanzata, Carmen, che avrebbe sposato l’anno successivo: guerra permettendo. Con tutta probabilità avrebbe avuto dei figli e, in prospettiva, una brillante carriera militare. Invece, ebbe una morte orrenda, lontano da casa, e una medaglia d’argento al valor militare alla memoria. Una sorta triste, comune a tanti altri giovani della sua epoca, quella toccata a Roberto Corradini. Su di …

Leggi tutto...

Esattamente 79 anni fa arrivò il dispaccio che annunciava il decesso ai genitori
Al primo dei due fu conferita la Medaglia di Bronzo al valor militare alla memoria 

UNA STORIA AL GIORNO… TOGLIE IL VIRUS DI TORNO

CANEPINA – Esattamente settantanove anni fa, il 23 maggio 1941, arrivò un tragico dispaccio al Comune di Canepina: «… pregansi comunicare alla famiglia l’avvenuto decesso in battaglia sul fronte greco il 9 marzo trapassato del soldato Bianco Foglietta…». Appresa la notizia, il segretario comunale Carlo Bianchi si recò nell’Ufficio Anagrafe per sapere chi fossero i genitori del soldato canepinese morto in guerra …

Leggi tutto...